X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 20 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Illecita anche la mera installazione non autorizzata di videocamere di sorveglianza

Il divieto di controllo a distanza dei lavoratori è violato anche quando l’impianto privo di autorizzazione non viene concretamente utilizzato

/ Mario PAGANO

Martedì, 7 giugno 2016

x
STAMPA

download PDF download PDF

La mera installazione non autorizzata di un impianto di videosorveglianza, anche senza il suo effettivo utilizzo, è sufficiente ad integrare la violazione di cui all’art. 4 della L. 300/70.

È quanto emerge da un interessante parere del 1° giugno scorso, con il quale la Direzione generale per l’Attività ispettiva del Ministero del Lavoro, rispondendo ad un preciso quesito formulato da un proprio ufficio territoriale, interviene in merito ai provvedimenti che gli ispettori del lavoro devono adottare nel caso rilevino l’installazione e l’impiego illecito di impianti audiovisivi per finalità di controllo a distanza dei lavoratori in orario di lavoro.

Si ricorda che il recente DLgs. 151/2015, nell’ambito del più ampio progetto di delega previsto dal Jobs Act, tra le altre ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU