X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 21 ottobre 2018

Notizie in breve

Condanna con confisca anche in assenza di beni

/ REDAZIONE

Martedì, 13 febbraio 2018

Nel caso di condanna o di applicazione della pena su richiesta delle parti a norma dell’art. 444 c.p.p. per uno dei delitti tributari previsti dal DLgs. 74/2000, è sempre ordinata la confisca dei beni che ne costituiscono il profitto o il prezzo, salvo che appartengano a persona estranea al reato, ovvero, quando essa non è possibile, la confisca di beni, di cui il reo ha la disponibilità, per un valore corrispondente a tale prezzo o profitto (art. 12-bis comma 1 del DLgs. 74/2000).

La confisca, afferma quindi la sentenza della Cassazione n. 4750/2018, come misura di sicurezza patrimoniale a carattere obbligatorio, è sottratta nell’“an” alla discrezionalità del giudice della cognizione; fermo restando che rimane affidata alla diversa fase esecutiva – la cui iniziativa spetta al PM – la soluzione di qualsivoglia questione che possa sorgere quanto (per l’appunto) all’esecuzione della misura medesima, compresa quella concernente l’effettiva sussistenza di beni – nella disponibilità del condannato – suscettibili di esser sottoposti a vincolo.

Si impone, pertanto, l’annullamento senza rinvio della sentenza di merito di condanna che non disponga la confisca del profitto del reato risultando che l’imputato non abbia alcuna disponibilità di beni.

TORNA SU