X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 20 agosto 2018 - Aggiornato alle 6.00

Economia & Società

Tassi in calo con le borse incerte

Sui tassi a medio lungo l’avversione al rischio è il fattore calmierante, specie per gli Usa; su quelli europei influisce molto la politica monetaria Bce

/ Stefano PIGNATELLI

Sabato, 31 marzo 2018

Il Pil Usa è aumentato al ritmo annualizzato di 2,9% nel quarto trimestre 2017, mentre la precedente stima si era fermata al 2,5%; l’economia Usa archivia l’intero scorso anno con una crescita media del 2,3%.
Nonostante le recenti evidenze macro tutte positive e incoraggianti, le borse risultano ancora deboli: il calo favorisce acquisti sui governativi con i rendimenti Bond Usa, Bund e Irs in flessione (segui tassi, spread ecc. su www.aritma.eu).

L’avversione al rischio è il fattore calmierante sui tassi a medio lungo che impedisce fughe verso l’alto, specie per quanto riguarda gli Usa, mentre sui tassi europei è la politica monetaria Bce a influire significativamente anche sul tratto medio lungo.
Un eventuale aumento della volatilità sui mercati potrebbe quindi comprimere ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU

Scopri di piu' Chiudi