X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 22 gennaio 2020 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Per Regioni ed Enti a regime le novità del CCNL del comparto funzioni locali

La ratifica della Corte dei Conti dà il via agli aumenti di stipendio previsti da maggio 2018 e alla corresponsione degli arretrati prevista per giugno

/ Rosalba PELUSI

Martedì, 29 maggio 2018

È stato siglato il 21 maggio 2018, da ARAN e FP-CGIL, CISL-FP, UIL-FPL, CSA-CISAL, il nuovo CCNL per il personale del comparto Funzioni locali a valere dal 1° gennaio 2016 al 31 dicembre 2018, sia per la parte normativa che per quella economica.
La contemporanea sottoscrizione del contratto per la Sanità pubblica, dopo quello del 12 febbraio per le Funzioni centrali, chiude il percorso per il rinnovo dei contratti pubblici, a distanza di quasi 10 anni dalla loro scadenza del 2009.
Il nuovo contratto interessa oltre 467 mila lavoratori del settore pubblico (Regioni, Enti locali, Camere di commercio e altri Enti territoriali) e dopo il via libera della Corte dei Conti formalizza l’intesa raggiunta dalle parti il 21 febbraio scorso.

La parte economica prevede nuovi minimi stipendiali, un elemento ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU