X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 13 dicembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

La Cassazione «vincola» la residenza fiscale all’iscrizione all’AIRE

I giudici di legittimità non tengono però conto delle Convenzioni internazionali

/ Anita MAURO

Martedì, 26 giugno 2018

Si considerano in ogni caso residenti in Italia le persone iscritte alle anagrafi della popolazione residente, in applicazione del criterio formale di cui all’art. 2 del TUIR, e il trasferimento all’estero non rileva finché non risulti la cancellazione dall’Anagrafe di un Comune italiano. 
Lo afferma la Cassazione, nell’ordinanza n. 16634, depositata ieri, confermando un orientamento già accolto dalla Suprema Corte (Cass. nn. 21970/2015 e 1215/98) e criticato dalla dottrina (si veda “Iscrizione all’AIRE non decisiva per la valutazione della residenza fiscale” del 16 maggio 2018).

Nel caso di specie, l’Agenzia delle Entrate rinveniva la residenza fiscale italiana in capo a un soggetto che, pur essendosi trasferito nel Regno Unito, dove svolgeva la ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU