ACCEDI
Domenica, 23 giugno 2024

IMPRESA

Escluse dal voto sul concordato le società controllanti o controllate dal proponente

Nel concordato fallimentare si applica il divieto di voto per il creditore proponente

/ Roberta VITALE

Venerdì, 29 giugno 2018

x
STAMPA

download PDF download PDF

Le Sezioni Unite della Cassazione, nella sentenza n. 17186 depositata ieri, si sono pronunciate in tema di diritto di voto sulla proposta di concordato fallimentare, definendo l’applicazione dell’art. 127 del RD 267/42.

Nel caso di specie, due società proponevano un concordato a chiusura del fallimento di un’altra società, prevedendo il pagamento di alcuni crediti e rimettendo quelli di due altre società, facenti parte dello stesso gruppo societario di appartenenza delle proponenti, ad una regolamentazione a parte. L’omologazione del concordato era negata – su opposizione di due creditori e di ex soci della società fallita – dal Tribunale, che aveva ritenuto illegittima la maggioranza raggiunta per l’approvazione, perché avvenuta con il voto “determinante” ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU