X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 15 dicembre 2018 - Aggiornato alle 6.00

Economia & Società

Continua il graduale rialzo dei tassi

Il ritorno di fiducia sull’Italia permette ai rendimenti Btp di consolidare i recenti miglioramenti e porta un po’ di serenità sul settore bancario

/ Stefano PIGNATELLI

Sabato, 22 settembre 2018

Trova conferma in settimana la tendenza al rialzo sui tassi di interesse: il Bund 10 e l’Irs 10 si portano rispettivamente in area 0,50% e 1%. Più significativo il movimento all’insù dei tassi Usa con il decennale al 3,10% e il due anni al 2,84%.
Dopo le recenti ottime performance, i rendimenti Btp 10 anni (2,84%) salgono leggermente più dei Bund portando lo spread da 234 a 238 bps. Tuttavia appare molto incoraggiante che sul breve lo spread si sia mosso in senso opposto anche in modo significativo: sui 2-3 anni il delta Italia-Germania scende di 10 centesimi (segui tassi e costo del funding su www.ildirettorefinanziario.it).

Il rialzo dei tassi continua nonostante l’Ocse abbia rivisto al ribasso le stime di crescita allineandosi ad altri previsori privati e istituzionali, come ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU