X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 16 dicembre 2018

Notizie in breve

Al contribuente la prova della distruzione dei documenti contabili

/ REDAZIONE

Mercoledì, 5 dicembre 2018

La Cassazione, nella sentenza n. 54011/2018, ha precisato che, nella fattispecie di cui all’art. 10 del DLgs. 74/2000, la distruzione configura un reato istantaneo che si realizza al momento dell’eliminazione della documentazione, la quale può consistere o nella stessa eliminazione del supporto cartaceo o in cancellature o abrasioni. L’occultamento, invece, consiste nella temporanea o definitiva indisponibilità della documentazione da parte degli organi verificatori e si realizza mediante il nascondimento materiale del documento.

L’occultamento, a differenza della distruzione, dà luogo a un reato permanente, perché l’obbligo di esibizione perdura finché è consentito il controllo fiscale, con la conseguenza che la condotta antigiuridica si protrae nel tempo a discrezione del reo, il quale, a differenza della distruzione, ha il potere di fare cessare l’occultamento esibendo i documenti. La permanenza cessa comunque allorché scade l’obbligo della conservazione o per altre cause (sequestro aliunde della documentazione o chiusura dell’accertamento fiscale).

Ai fini della configurabilità del delitto di cui all’art. 10 del DLgs. 74/2000, le condotte di distruzione ovvero di occultamento della documentazione contabile sono tra loro equivalenti, con la conseguenza che se risulta provato che le scritture contabili esistevano e non ne è provata la distruzione (non potendo evidentemente tale prova derivare dalla sola dichiarazione dell’imputato, ed essendo interesse dello stesso attestare la consumazione del reato a un’epoca che gli garantirebbe una pronuncia di prescrizione) rimane l’occultamento.

TORNA SU