X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 15 ottobre 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Acquacoltura e agricoltura con regole analoghe ai fini dei redditi

L’imprenditore ittico dichiara il reddito agrario, e per la parte eccedente, quello parametrale

/ Tiziana DI GANGI

Lunedì, 16 settembre 2019

L’imprenditore ittico è un imprenditore agricolo a tutto tondo, ai sensi dell’art. 2135 c.c. Sono infatti inserite, tra le risorse utilizzabili da quest’ultimo, le acque dolci, salmastre e marine. Per tale via, l’imprenditore ittico dichiara il reddito agrario a norma dell’art. 32 del TUIR, se rientra entro determinati parametri, ovvero, in aggiunta, il c.d. “reddito parametrale”, di cui all’art. 56, comma 5 del TUIR, laddove “il terreno sia insufficiente a produrre almeno ¼ dei mangimi necessari”.
La detenzione di terreno risulta necessaria laddove l’imprenditore ittico, per essere considerato tale, deve organizzarsi con macchinari, attrezzature o capannoni, per custodire mangimi o altri mezzi necessari alla conduzione dell’attività.

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU