X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 15 ottobre 2019 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Contabilità e spesometro provano l’omessa dichiarazione

/ REDAZIONE

Sabato, 14 settembre 2019

La Cassazione, con la sentenza n. 38016/2019, ha affermato che è legittima la decisione di merito che condanna il legale rappresentante di una società per il reato di omessa dichiarazione, di cui all’art. 5 del DLgs. 74/2000, quando, a fronte del mancato rispetto dell’obbligo dichiarativo, dall’esame della documentazione presente presso il commercialista emergano elementi positivi di reddito della società che, detratti costi, implicano il superamento della soglia di rilevanza penale; tali dati, peraltro, risultavano sostanzialmente corrispondenti con quelli del c.d. spesometro.

In simile contesto, infatti, l’accertamento induttivo costituisce mera conferma della verifica operata sulla contabilità, in sintonia con il costante orientamento secondo il quale le presunzioni legali previste dalle norme tributarie, pur non potendo costituire di per sé fonte della prova della commissione del reato, assumono tuttavia il valore di dati di fatto che devono essere liberamente valutati dal giudice penale, unitamente a elementi di riscontro che diano certezza dell’esistenza della condotta criminosa.

TORNA SU