X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 19 novembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

«Inesistente» fiscalmente la Stiftung interposta

/ REDAZIONE

Venerdì, 8 novembre 2019

Con la riposta ad interpello n. 473 di ieri, 7 novembre 2019, l’Agenzia delle Entrate ha ribadito l’orientamento, già formalizzato nella circolare n. 17 del 23 maggio 2017, secondo cui i redditi di un soggetto estero interposto sono imputati in via automatica al soggetto che ha la titolarità sostanziale della società o ente estero.

Nel caso oggetto dell’interpello, una Stiftung del Liechtenstein è stata riconosciuta in modo espresso quale soggetto interposto dal Fondatore nell’istanza di voluntary disclosure a suo tempo presentata, nel frattempo deceduto. I redditi prodotti dalla Fondazione devono, quindi, ritenersi tassati in capo ai figli del Fondatore, secondo le regole previste per le singole categorie reddituali dal TUIR. 

TORNA SU