X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 13 luglio 2020 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Reato 231 sulla sicurezza cibernetica solo se sono coinvolti servizi essenziali dello Stato

L’attività fornita dalla società alle P.A. deve essere «attinente» a una rete informatica da cui dipende l’esercizio di una funzione essenziale

/ Salvatore RAIA

Martedì, 2 giugno 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’art. 24-bis del DLgs. 231/2001, “Delitti informatici e trattamento illecito di dati”, è stato modificato dal DL 105 del 21 settembre 2019 (il c.d. decreto “cyber security”, come modificato dal DL 162/2019). È stato, infatti, innovato il comma 3 all’art. 24-bis citato, che ha introdotto la fattispecie dei delitti relativi alla “cyber security”. In dettaglio, in relazione alla commissione dei delitti di cui agli artt. 491-bis e 640-quinquies c.p., salvo quanto previsto dall’art. 24 per i casi di frode informatica in danno dello Stato o di altro ente pubblico e dei delitti di cui all’art. 1, comma 11 del DL 105/2019, si applica all’ente la sanzione pecuniaria sino a quattrocento quote”.

Pertanto l’applicazione della ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU