X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 6 giugno 2020 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Per i commercialisti il caos del sito INPS era prevedibile

/ REDAZIONE

Mercoledì, 1 aprile 2020

x
STAMPA

I commercialisti ribadiscono la richiesta di essere abilitati per poter effettuare l’invio massivo delle richieste per l’indennità di 600 euro.

“Avevamo chiesto con un apposito emendamento al «Cura Italia» di poter affiancare patronati e soggetti beneficiari nelle operazioni di invio delle richieste per il bonus da 600 euro in modo tale da poter effettuare un invio massivo e non singolo che avrebbe ridotto drasticamente il numero di accessi al sito dell’INPS – afferma il Consigliere del CNDCEC delegato all’area lavoro, Roberto Cunsolo –. Lo avevamo detto: per questo appuntamento serviva uno sforzo straordinario per il quale i commercialisti si erano messi a disposizione. Ci è stato detto inspiegabilmente di no, ma oggi è chiaro che la nostra proposta sarebbe stata estremamente utile al sistema. Per questo ci auguriamo che il Governo ci ripensi”. 

Al momento, infatti, il sito INPS non è disponibile, digitando l’indirizzo compare il messaggio: “Al fine di consentire una migliore e più efficace canalizzazione delle richieste di servizio, il sito è temporaneamente non disponibile. Si assicura che tutti gli aventi diritto potranno utilmente presentare la domanda per l’ottenimento delle prestazioni”.

“Bisognava prevedere un invio massivo delle richieste di bonus, come quello che facciamo per l’invio al sito dell’Agenzia delle Entrate delle dichiarazioni dei redditi, e non l’invio delle richieste una per volta come si è invece scelto di fare – prosegue Cunsolo – e andavano abilitati anche i professionisti intermediari per questo adempimento che era logico sarebbe stato una sfida enorme per il portale dell’INPS, vista la platea di diversi milioni di aventi diritto e visto che lo stesso portale viene raggiunto in queste stesse ore da tantissime persone interessate ad altri servizi legati all’emergenza coronavirus. Ora ci troviamo con i nostri studi presi comunque d’assalto dai nostri clienti che ci chiedono aiuto e assistenza e con il sito dell’INPS in tilt, con informazioni personali spiattellate sulle loro pagine”.

TORNA SU