X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 31 ottobre 2020 - Aggiornato alle 6.00

PROFESSIONI

Niente richieste di indennità all’INPS tramite commercialisti e consulenti del lavoro

Le due categorie rimangono escluse da questo tipo di attività, che continuerà a essere svolta esclusivamente dai patronati

/ Savino GALLO

Giovedì, 9 aprile 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nonostante l’annuncio del Presidente Tridico e le rassicurazioni ricevute dal CNDCEC, commercialisti e consulenti del lavoro non potranno inviare le richieste di indennità di 600 euro all’INPS per conto dei loro clienti. Il chiarimento è arrivato ieri tramite una missiva via PEC inviata al Consiglio nazionale dall’Istituto nazionale di previdenza sociale, nella quale si spiega che, stante l’attuale quadro normativo, l’autorizzazione a svolgere questo tipo di prestazione potrebbe essere concessa solo attraverso un decreto ministeriale, al momento non sopraggiunto.

Nello specifico, il Direttore centrale dell’INPS, Rocco Lauria (firmatario della missiva), sottolinea che le prestazioni previste dal decreto “Cura Italia” hanno natura assistenziale ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU