X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 30 ottobre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Dubbi sull’aliquota fissa del credito d’imposta in caso di somme restituite

L’aliquota fissa è contraria al principio della capacità contributiva

/ Caterina MONTELEONE e Massimo NEGRO

Lunedì, 15 giugno 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’art. 150 del DL 34/2020 (c.d. decreto “Rilancio”) ha aggiunto all’art. 10 del TUIR, dopo il comma 2, il comma 2-bis, a mente del quale “le somme di cui alla lettera d-bis) del comma 1, se assoggettate a ritenuta, sono restituite al netto della ritenuta subita e non costituiscono oneri deducibili”.
Specularmente, viene riconosciuto a favore dei sostituti d’imposta, che abbiano ricevuto la restituzione di somme al netto delle ritenute regolarmente operate e versate, un credito d’imposta pari al 30% delle somme ricevute che può essere utilizzato senza limite di importo in compensazione ex art. 17 del DLgs. 241/97.

La modifica normativa deve certamente essere considerata in modo favorevole, in quanto permette di porre fine a un contrasto giurisprudenziale ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU