X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 11 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

La società risponde degli illeciti amministrativi di rappresentanti o dipendenti

Per la corresponsabilità è necessario e sufficiente l’illecito commesso da dipendenti o rappresentanti nell’esercizio delle loro funzioni o incombenze

/ Sergio PASSERINI

Venerdì, 3 luglio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la L. 24 novembre 1981 n. 689 è stato introdotto nel nostro ordinamento un sistema tendenzialmente completo di disciplina dell’illecito amministrativo e delle sanzioni amministrative. Questa legge costituisce tuttora la disciplina fondamentale di una nutrita serie di fattispecie anche molto diverse tra loro. Il nostro ordinamento è, in questo settore, sproporzionato: vi sono previsioni di illeciti amministrativi in materia di lavoro, previdenziale, tributaria e valutaria, ma anche in altri settori tra loro eterogenei, dalla circolazione stradale alla regolazione dei mercati finanziari, dal trattamento dei dati personali all’ordine pubblico e all’igiene degli alimenti.

La legge prevede alcuni principi fondamentali, che ne rivelano la derivazione dal sistema sanzionatorio ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU