X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 20 ottobre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

L’emergenza da COVID-19 può fondare la domanda di sospensiva giudiziale

La chiusura delle attività commerciali può essere un indice significativo

/ Caterina MONTELEONE

Giovedì, 23 luglio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nel contenzioso tributario è prevista la possibilità di presentare istanza di sospensione dell’atto impugnato (e se del caso della sentenza) in ciascun grado di giudizio. Infatti, il contribuente che riceve un atto impugnabile può presentare ricorso chiedendo, anche con istanza successiva al ricorso, la sospensione. In caso di soccombenza, può presentare l’istanza anche in secondo grado. In questo caso, a mente dell’art. 52 del DLgs. 546/92 il contribuente appellante può chiedere alla Commissione tributaria regionale di sospendere, in tutto o in parte, l’esecutività della sentenza impugnata, se sussistono gravi e fondati motivi, oltre che “la sospensione dell’esecuzione dell’atto se da questa può derivargli un danno grave e irreparabile”.

Infine, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU