X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 15 gennaio 2021 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

La definizione di lavoratore notturno dipende dal contratto collettivo

Tuttavia, secondo l’INL, i parametri contrattuali e legali potrebbero anche essere combinati

/ Mario PAGANO

Sabato, 28 novembre 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Per la corretta individuazione del lavoratore notturno, con la conseguente applicazione delle tutele ad esso riservate, è necessario verificare quanto previsto in merito dalla contrattazione collettiva. Questo quanto emerge dal parere fornito con la nota n. 1050/2020, con la quale l’Ispettorato nazionale del Lavoro (INL) ha indicato specifici chiarimenti proprio in ordine alla definizione di lavoratore notturno.

Tale aspetto è tutt’altro che secondario, atteso che solo il lavoratore notturno deve essere sottoposto a visita medica preventiva e periodica, finalizzata alla verifica specifica dell’idoneità, ossia all’assenza di controindicazioni a lavorare di notte (artt. 11 e 14 del DLgs. 66/2003), ed unicamente il lavoratore notturno è soggetto al limite massimo giornaliero

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU