X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 7 maggio 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Accesso ai dati telefonici autorizzato solo da autorità indipendenti

La Corte di Giustizia pone l’attenzione sulla data retention

/ Alberto CALZOLARI e Daniel SPAGGIARI

Mercoledì, 14 aprile 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Corte di Giustizia, lo scorso 2 marzo, ha emesso una sentenza (causa C-746/18) di grandissimo rilievo sulla garanzia dei dati personali e, più in generale, sulla protezione della sfera privata dei cittadini rispetto ai poteri d’indagine delle autorità pubbliche. La domanda pregiudiziale (ex art. 267 del TFUE) della Corte di Cassazione estone verteva sulla compatibilità col diritto Ue della disciplina nazionale sull’accesso ai dati delle comunicazioni elettroniche. Non si tratta dell’intercettazione delle conversazioni, bensì del profilo oggettivo e soggettivo conseguente alla data retention, ossia alla conservazione dei dati relativi al traffico telefonico. Le compagnie telefoniche, infatti, immagazzinano tutti i dati relativi alle chiamate e in particolare: i dati anagrafici

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU