X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 9 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Nell’amministrazione straordinaria non c’è l’obbligo di presentare il piano industriale

La mancanza del piano non esclude il compenso del professionista

/ Marco PEZZETTA

Martedì, 27 aprile 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Le grandi imprese insolventi per le quali siano perseguibili la prosecuzione, riattivazione o riconversione delle attività, al fine di conservarne il patrimonio produttivo, possono accedere all’amministrazione straordinaria ex DLgs. 270/1999. L’iniziativa per l’avvio della procedura concorsuale può essere assunta non solo dall’imprenditore, ma anche dai creditori, dal pubblico ministero o, d’ufficio, dal tribunale.

La particolare disciplina della legittimazione attiva rappresenta una delle motivazioni per le quali la legge non prevede alcuna sanzione per il caso in cui l’imprenditore non rispetti i precetti dell’art. 5 comma 1 del succitato DLgs. e, quindi, non provveda a esporre le cause che hanno determinato lo stato di insolvenza, nonché a segnalare ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU