X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 21 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Niente retribuzioni convenzionali al dipendente in smart working in Italia

Il reddito di lavoro dipendente deve essere determinato secondo le disposizioni di cui all’art. 51 commi da 1 a 8 del TUIR

/ Massimo NEGRO e Daniele SILVESTRO

Martedì, 18 maggio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Non sono applicabili le retribuzioni convenzionali ex art. 51 comma 8-bis del TUIR per il lavoratore distaccato all’estero che svolge la sua attività lavorativa in Italia in modalità smart working, a seguito dell’emergenza sanitaria da COVID-19, trovando invece applicazione la normale modalità di determinazione del reddito di lavoro dipendente di cui ai commi da 1 a 8 della medesima disposizione.
Questo è quanto precisato ieri dall’Agenzia delle Entrate con la risposta n. 345 di ieri a un interpello presentato da una società il cui personale svolge, frequentemente, l’attività lavorativa all’estero.

Tuttavia, l’emergenza sanitaria iniziata nei primi mesi del 2020, che ha indotto diversi Stati ad adottare misure restrittive per contenere la diffusione del virus, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU