X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 28 luglio 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Legittima la notifica alla precedente residenza indicata in dichiarazione

La competenza territoriale dell’ufficio è determinata dall’art. 31 del DPR n. 600/73

/ Francesco BRANDI

Giovedì, 3 giugno 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Legittima la notifica dell’accertamento al contribuente che ha cambiato residenza anagrafica ma ha inserito nella dichiarazione dei redditi, anche per gli anni successivi, la vecchia residenza.
Lo ha stabilito la Cassazione con l’ordinanza n. 13843 del 20 maggio 2021 con cui ha rigettato il ricorso di un contribuente confermando la legittimità di una cartella scaturita dalla mancata impugnazione di un prodromico avviso di accertamento.

Confermata dunque la pronuncia della C.T. Reg. che, in accoglimento dell’appello dell’Agenzia delle Entrate, aveva considerato legittima la notifica dell’avviso di accertamento effettuata alla precedente residenza anagrafica che il contribuente aveva continuato ad indicare nelle dichiarazioni fiscali inviate all’amministrazione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU