X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 21 gennaio 2022 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Non basta il risarcimento del danno per ridurre la sanzione pecuniaria all’ente

Occorre tenere conto della gravità, del grado della responsabilità dell’ente e dell’attività svolta per eliminare o attenuare le conseguenze del fatto

/ Ciro SANTORIELLO

Lunedì, 23 agosto 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’art. 12 del DLgs. 231/2001 prevede alcune circostanze in presenza delle quali l’ente condannato per un illecito amministrativo matura un diritto a ottenere una significativa riduzione della sanzione pecuniaria. In particolare, si prevede che la pena è ridotta della metà e non può comunque essere superiore a 103.291 euro se:
- l’autore del reato ha commesso il fatto nel prevalente interesse proprio o di terzi e l’ente non ne ha ricavato vantaggio o ne ha ricavato un vantaggio minimo;
- il danno patrimoniale cagionato è di particolare tenuità.

La riduzione sarà da un terzo alla metà se, prima della dichiarazione di apertura del dibattimento di primo grado:
- l’ente ha risarcito integralmente il danno e ha eliminato le conseguenze dannose o pericolose del reato ovvero ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU