X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 21 gennaio 2022 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Non unanime l’applicazione ai rider del procedimento di condotta antisindacale

Sulla questione è auspicabile un chiarimento della Corte di Cassazione o un intervento normativo

/ Viviana CHERCHI

Giovedì, 26 agosto 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

In ordine al rapporto di lavoro dei rider o ciclo-fattorini, una delle questioni maggiormente affrontate negli ultimi mesi è quella dell’applicabilità o meno dello strumento processuale previsto dall’art. 28 della L. 300/70. Tale norma, come noto, legittima le articolazioni territoriali delle organizzazioni sindacali nazionali ad agire in giudizio qualora il datore di lavoro ponga in essere comportamenti diretti a impedire o limitare l’esercizio della libertà e dell’attività sindacale, prevedendo un procedimento speciale d’urgenza, articolato in due fasi: una sommaria ed una eventuale, di opposizione, a cognizione piena.

La questione si inquadra nella più ampia problematica dell’esatto inquadramento della natura del rapporto lavorativo dei rider e dell’individuazione

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU