X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 28 novembre 2021

IL CASO DEL GIORNO

Detrazione IVA complicata per il soccidario che alleva anche in proprio

/ Mirco GAZZERA

Venerdì, 27 agosto 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

In base al contratto di soccida, “il soccidante e il soccidario si associano per l’allevamento e lo sfruttamento di una certa quantità di bestiame e per l’esercizio delle attività connesse, al fine di ripartire l’accrescimento del bestiame e gli altri prodotti e utili che ne derivano” (art. 2170 c.c.). Si tratta di un contratto agrario associativo (Cass. n. 21491/2005).

Con riguardo ai profili IVA, occorre considerare che, nel rapporto di soccida (Cass. n. 8727/2013; in senso conforme, Cass. n. 14791/2015 e interrogazione parlamentare n. 5-04812/2015):
- il soccidario e il soccidante possono procedere alla vendita della loro parte di bestiame;
- oppure, la commercializzazione del bestiame può essere effettuata esclusivamente dal soccidante con la monetizzazione degli

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU