Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 27 novembre 2022

IMPRESA

DSCR con tre diverse varianti per la crisi di impresa

La prima modalità di calcolo richiede la redazione di un budget di tesoreria che indichi le entrate e le uscite di liquidità attese nei successivi sei mesi

/ Fabrizio BAVA e Alain DEVALLE

Martedì, 2 novembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il Debt Service Coverage Ratio (DSCR) è stato identificato come uno degli indicatori dello stato di crisi nell’ambito della riforma della crisi d’impresa (si veda documento del CNDCEC “Crisi d’impresa. Gli indici di allerta”).
Nonostante la prima applicazione di tali indicatori sia stata differita (forse, visto l’ennesimo rinvio) al 2024, il citato documento del CNDCEC fornisce lo spunto per analizzare tre differenti varianti del DSCR.

La prima modalità di calcolo identificata dal CNDCEC richiede necessariamente la redazione di un budget di tesoreria che indichi le entrate e le uscite di liquidità attese nei successivi 6 mesi. Il budget è pertanto la primaria fonte di calcolo ed espone le previsioni dei flussi di cassa che l’impresa sarà in grado di generare

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU