X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 27 gennaio 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Professionista interdetto per l’indebita compensazione in favore del cliente

Anche se si volesse affermare che abbia erroneamente ritenuto lecito il meccanismo usato, ciò si configurerebbe come un errore inescusabile

/ Maria Francesca ARTUSI

Sabato, 27 novembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Al consulente fiscale che pone in essere una condotta di indebita compensazione penalmente rilevante può essere applicato sia il sequestro preventivo del profitto del reato sia la misura dell’interdizione dall’esercizio della professione.
Così è avvenuto nel procedimento deciso da due sentenze della Cassazione depositate ieri, la n. 43620 e la n. 43621.

Le indagini nei confronti del professionista erano state avviate, nel caso di specie, a seguito di altro procedimento iscritto nei confronti del legale rappresentante di una srl, indagato per avere tenuto condotte riconducibili al reato di indebita compensazione (art. 10-quater del DLgs. 74/2000) avvalendosi di un intermediario che si era occupato di trasmettere il modello F24 “incriminato”.

In esito agli accertamenti effettuati ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU