Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 1 luglio 2022 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

L’osservanza degli OIC rende non punibile l’errata imputazione a periodo

/ Alfio CISSELLO

Giovedì, 19 maggio 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

Le violazioni in tema di errata imputazione a periodo delle componenti reddituali sono alquanto variegate. Se si ritiene la violazione sanzionabile, la sanzione può avere diverse intensità, mentre se risultano osservati i principi contabili la violazione potrebbe addirittura essere sfornita di sanzione.

Se si analizza l’art. 1 del DLgs. 471/97, si nota che, se non ci sono fattispecie attenuanti da applicare, la violazione della competenza fiscale soggiace alla sanzione dal 90% al 180% dell’imposta. Tuttavia:
- “la medesima riduzione [sanzione base ridotta di un terzo, ndr] si applica quando, fuori dai casi di cui al comma 3 [condotte fraudolente, ndr], l’infedeltà è conseguenza di un errore sull’imputazione temporale di elementi positivi o negativi di reddito, purché ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU