Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 25 settembre 2022

IL PUNTO / PROCEDURE CONCORSUALI

Sindacato giurisdizionale limitato nel nuovo piano attestato

L’inidoneità del piano deve essere ravvisata dal debitore o dall’attestatore

/ Saverio MANCINELLI

Giovedì, 11 agosto 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il piano attestato di risanamento è uno strumento di composizione della crisi d’impresa introdotto nel RD 267/42 (art. 67 comma 3 lett. d) già con la primissima decretazione d’urgenza (DL 35/2005) che ha inaugurato la riforma del diritto fallimentare.

Scopo del legislatore è quello della salvaguardia di un atto stragiudiziale – predisposto unilateralmente dal debitore e non soggetto ad alcun vaglio dell’autorità giudiziaria – per garantire l’esonero da revocatoria, purché tale atto sia posto in essere con determinate modalità. L’intervento dell’autorità giudiziaria è meramente eventuale, poiché la verifica sulla “tenuta” di un piano attestato potrebbe avvenire solo ex post, cioè in ipotesi di esito infausto del piano e di dichiarazione di fallimento ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU