ACCEDI
Giovedì, 13 giugno 2024 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Spetta all’amministratore provare il fine liquidatorio dell’attività della società sciolta

La società che agisce in giudizio, invece, deve dimostrare lo scioglimento e il successivo compimento di atti negoziali

/ Maurizio MEOLI

Venerdì, 28 aprile 2023

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Cassazione, nell’ordinanza n. 11041, depositata ieri, sottolinea come la società che contesti al suo amministratore l’illecita e dannosa prosecuzione dell’attività sociale, dopo il verificarsi di una causa di scioglimento, debba allegare e provare la ricorrenza delle condizioni per lo scioglimento della società e il successivo compimento di atti negoziali, mentre grava sull’amministratore l’onere di provare la mera finalità liquidatoria di questi atti.

Ai sensi dell’art. 2485 comma 1 c.c., gli amministratori devono, senza indugio, accertare il verificarsi di una causa di scioglimento e procedere all’iscrizione della dichiarazione di relativo accertamento nel Registro delle imprese ex art. 2484 comma 3 c.c. Essi, in caso di ritardo od omissione, sono ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU