ACCEDI
Venerdì, 12 luglio 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Le spese di sponsorizzazione rientrano sempre tra quelle di pubblicità

Per le sponsorizzazioni a favore di ASD entro 200.000 euro, la presunzione di deducibilità è assoluta

/ Luca FORNERO

Mercoledì, 13 settembre 2023

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con l’ordinanza n. 26368, depositata ieri, 12 settembre 2023, la Corte di Cassazione è intervenuta in tema di sponsorizzazioni, ribadendo due principi già espressi in passato.

Il primo attiene alla classificazione delle spese di sponsorizzazione tra quelle di pubblicità o di rappresentanza.

Sotto tale profilo, i giudici di legittimità affermano che, nel regime vigente dal 2008, tali oneri devono essere sempre ricondotti nel novero delle spese pubblicitarie. Nell’attuale contesto normativo, deve quindi ritenersi superato il “dibattito circa la qualificazione giuridica delle sponsorizzazioni quali spese di rappresentanza o di pubblicità, che è sorto anteriormente alla legge finanziaria 2008 (...)” (in senso conforme, già Cass. n. 21452/2021).

La posizione della Suprema Corte ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU