ACCEDI
Domenica, 26 maggio 2024

IMPRESA

La banca poco diligente risponde di assegni spediti con posta ordinaria e contraffatti

La banca negoziatrice deve valutare la correttezza del titolo e identificare il presentatore all’incasso con diligenza professionale qualificata

/ REDAZIONE

Giovedì, 26 ottobre 2023

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il Tribunale di Roma, nella sentenza n. 14316/2023, ha ribadito che, ai sensi dell’art. 43 comma 2 del RD n. 1736/33 (c.d. legge Assegni), la banca negoziatrice, chiamata a rispondere del danno derivato – per errore nell’identificazione del legittimo portatore del titolo – dal pagamento di assegno bancario (di traenza o circolare) munito di clausola di non trasferibilità a persona diversa dall’effettivo beneficiario, è ammessa a provare che l’inadempimento non le sia imputabile, per aver essa assolto alla propria obbligazione con la diligenza richiesta dall’art. 1176 comma 2 c.c. (cfr. Cass. SS.UU. n. 12478/2018).

Tuttavia, qualora la contraffazione del titolo sia avvenuta attraverso la sostituzione del nome del beneficiario, la prova liberatoria può essere fornita ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU