ACCEDI
Mercoledì, 19 giugno 2024 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Criterio dei netti patrimoniali anche per i processi in corso al 16 marzo 2019

La Cassazione interviene per la prima volta su un tema dibattuto sia in dottrina che dai giudici di merito sull’illecita prosecuzione dell’attività sociale

/ Maurizio MEOLI

Giovedì, 29 febbraio 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Cassazione, nell’ordinanza n. 5252, depositata ieri, ha stabilito che la disciplina di cui al terzo comma dell’art. 2486 c.c., come inserito dall’art. 378 comma 2 del DLgs. 14/2019, relativa alla determinazione del danno in caso di illecita prosecuzione dell’attività sociale nonostante il verificarsi di una causa di scioglimento (in genere, la perdita del capitale), si applica anche ai giudizi in corso al momento della sua entrata in vigore (16 marzo 2019).

In base alla citata disposizione, quando è accertata la responsabilità degli amministratori per avere illecitamente proseguito l’attività sociale nonostante il verificarsi di una causa di scioglimento, e salva la prova di un diverso ammontare, il danno risarcibile si presume pari alla differenza tra il patrimonio ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU