X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 18 luglio 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Lo splafonamento incide sull’esercizio della detrazione IVA

Si tratta di una violazione di carattere sostanziale che esclude l’applicabilità del principio di neutralità; legittimo il recupero dell’imposta dovuta

/ Lorenzo LODI

Lunedì, 11 febbraio 2019

La Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 1132/2019, torna sulle conseguenze dell’acquisto di beni in sospensione d’imposta in misura superiore al plafond disponibile (nello stesso senso, le recenti Cass. nn. 10020/2018 e 15835/2018).

La legge consente agli esportatori abituali l’acquisto di beni e servizi senza applicazione dell’IVA, onde evitare che si trovino cronicamente a credito dell’imposta detraibile.
Tale beneficio è subordinato, oltre che all’invio, al cedente o prestatore, della dichiarazione d’intenti, al rispetto del limite quantitativo costituito dal c.d. plafond (art. 8, comma 2 del DPR n. 633/1972).
Il suo superamento legittima l’accertamento, da parte dell’Erario in capo all’esportatore abituale, dell’imposta

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU