X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 26 settembre 2021 - Aggiornato alle 11.50

FISCO

Per la Cassazione anche i tributi erariali si prescrivono in cinque anni

Si applica il termine breve previsto per le «prestazioni periodiche»

/ Caterina MONTELEONE

Lunedì, 29 aprile 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la sentenza della Cassazione n. 30362/2018 i giudici hanno affermato che “il cittadino potrà chiedere al giudice l’estinzione del credito statale per intervenuta prescrizione breve, non soltanto nei casi di notifica di cartella esattiva (D.P.R. n. 600 del 1973, art. 36bis e/o ter), bensì anche nelle fattispecie riguardanti qualsiasi atto amministrativo di natura accertativa (avvisi di accertamento, avvisi di addebito, ecc.)“.

I giudici estendono, quindi, l’ambito applicativo della prescrizione quinquennale alla notifica di atti emessi per crediti erariali. Nella fattispecie decisa erano chiamati ad esprimersi in merito alla prescrizione relativa ad una entrata comunale. I giudici richiamano la sentenza n. 4283/2010 che ritiene applicabile in materia di tributi locali

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU