X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 16 luglio 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Regime CFC con interrogativi sulla disapplicazione

Esigenza di una nuova istanza agli effetti del riformulato art. 167 comma 5 del TUIR con «vecchia» risposta positiva all’interpello da prima esimente

/ Luca MIELE

Giovedì, 11 luglio 2019

La nuova disciplina sulle imprese controllate estere (CFC rules) pone alcuni interrogativi, di rilevante interesse, concernenti la disapplicazione del regime.

Il comma 5 dell’art. 167 del TUIR stabilisce che le previsioni indicate nel medesimo articolo, e riguardanti la tassazione per trasparenza della totalità del reddito della partecipata estera, non si applicano se il soggetto controllante dimostra – anche mediante istanza di interpello probatorio – che l’entità controllata non residente svolge un’attività economica effettiva, mediante l’impiego di personale, attrezzature, attivi e locali. Si tratta dell’unica esimente oggi prevista e che risulta meno rigorosa di quella indicata in precedenza dalla lettera a) del comma 5 dell’art. 167 TUIR (c.d. prima

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU