X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 6 dicembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Per prestazioni di medicina e chirurgia estetica esenzione IVA da valutare

Andrebbe applicata a trattamenti per curare o guarire malattie o problemi anche di tipo psicologico in base a un corretto giudizio professionale

/ Alessandro ALUNNI e Monica ZAFFERANI

Lunedì, 15 luglio 2019

Con la sentenza del 21 marzo 2013, relativa alla causa C-91/12, la Corte di Giustizia ha statuito che le prestazioni di chirurgia estetica e i trattamenti di carattere estetico rientrano tra le “cure mediche” o “prestazioni mediche” alla persona, esenti da IVA ai sensi dell’art. 132, par. 1, lett. b) e c) della direttiva 2006/112/Ce, “qualora tali prestazioni abbiano lo scopo di diagnosticare, curare o guarire malattie o problemi di salute o di tutelare, mantenere o ristabilire la salute delle persone”, mentre non vi rientrano quegli interventi che rispondono a scopi “puramente cosmetici”.

Al riguardo, l’unico chiarimento ufficiale fornito dall’Amministrazione finanziaria è rappresentato dalla circolare n. 4/2005, in base alla ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU