X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 26 agosto 2019 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Diritto di abitazione escluso per il coniuge separato

/ Cecilia PASQUALE

Giovedì, 18 luglio 2019

Quando uno dei coniugi muore, al superstite spetta, oltre alla quota di eredità riservatagli dalla legge, anche il diritto di abitare la casa familiare e di utilizzare i beni mobili al suo interno, ai sensi dell’art. 540 comma 2 c.c. primo periodo, a mente del quale al coniuge superstite “sono riservati i diritti di abitazione sulla casa adibita a residenza familiare e di uso sui mobili che la corredano, se di proprietà del defunto o comuni”.

Le esigenze che la norma intende soddisfare e la sua formulazione hanno portato gli interpreti a interrogarsi circa l’applicabilità della disposizione in esame all’ipotesi di separazione personale tra coniugi.

Da un lato, infatti, la previsione di tale diritto è funzionale a garantire al soggetto che era più vicino al defunto ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU