X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 19 settembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Limiti alla dichiarazione integrativa nel caso di note di credito

/ Dario BONSANTO e Emanuele GRECO

Giovedì, 12 settembre 2019

Nella circostanza in cui un’operazione già documentata da fattura venga meno, ai sensi dell’art. 26 comma 2 del DPR 633/72, è data facoltà ai soggetti passivi IVA di portare in detrazione l’imposta corrispondente alla variazione intervenuta.
A tal fine, la variazione è annotata tipicamente nel registro degli acquisti a norma dell’art. 25 del DPR 633/72, mediante l’emissione di un documento denominato “nota di variazione in diminuzione” o “nota di credito”.
Il perfezionamento della variazione in diminuzione si realizza attraverso due fasi successive:
- l’emissione del documento e la sua registrazione nel registro di cui all’art. 25 del DPR 633/72;
- l’effettivo esercizio del diritto alla detrazione ex art.

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU