X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 19 settembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Il rispetto del contratto leader vale solo per i benefici normativi e contributivi

Non può estendersi anche a tutte le altre prerogative che la legge riconosce in forza dell’effettiva e completa applicazione del contratto

/ Mario PAGANO

Giovedì, 12 settembre 2019

Il tema della contrattazione collettiva continua ad essere al centro dell’attenzione dell’Ispettorato nazionale del lavoro (INL) che, dopo le indicazioni fornite con le circolari nn. 3/2018 e 7/2019, torna nuovamente ad affrontare la questione, con particolare riferimento al rapporto dei c.d. contratti “leader” (quelli stipulati dalle organizzazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori comparativamente più rappresentative sul piano nazionale) con il godimento dei benefici normativi e contribuitivi.

L’intervento dell’INL, contenuto nella circolare n. 9 del 10 settembre, si pone in continuità ed a chiarimento di quanto espresso nella citata circolare n. 7, ove era stato precisato che, proprio ai fini del godimento dei benefici normativi e contributivi, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU