X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 14 dicembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Reato di omessa dichiarazione solo con dolo specifico

/ REDAZIONE

Venerdì, 13 settembre 2019

La Cassazione, nella sentenza n. 37532/2019, ha ribadito che la prova del dolo specifico di evasione, nel delitto di omessa dichiarazione (art. 5 del DLgs. 74/2000), non deriva dalla semplice violazione dell’obbligo dichiarativo, né da una culpa in vigilando sull’operato del professionista, che trasformerebbe il rimprovero per l’atteggiamento anti-doveroso da doloso in colposo, ma dalla ricorrenza di elementi fattuali dimostrativi del fatto che il soggetto obbligato ha consapevolmente preordinato l’omessa dichiarazione all’evasione dell’imposta per quantità superiori alla soglia di rilevanza penale (cfr. Cass. n. 18936/2016).

Il dolo specifico di evasione, infatti, è integrato dalla deliberata ed esclusiva intenzione di sottrarsi al pagamento delle imposte nella piena consapevolezza della illiceità del fine e del mezzo (cfr. Cass. n. 43809/2015).

TORNA SU