X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 1 giugno 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Omessa IVA senza prova materiale della dichiarazione annuale

La Cassazione ha ritenuto come valido equipollente la comunicazione di irregolarità ai sensi dell’art. 54-bis del DPR 633/1972

/ Maria Francesca ARTUSI

Mercoledì, 18 settembre 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

Ai fini dell’accertamento del reato di omesso versamento IVA previsto dall’art. 10-ter del DLgs. 74/2000, la legge non richiede l’acquisizione della dichiarazione fiscale o di alcuna prova legale. È sufficiente che il giudice raggiunga la certezza, al di là del ragionevole dubbio, in ordine alla sussistenza degli elementi necessari per l’integrazione della fattispecie, e ne dia conto con motivazione immune da vizi logici o giuridici.

Può essere utile ricordare, in proposito, che parte della giurisprudenza specifica la “struttura mista” di tale fattispecie, consistente in una condotta commissiva – cioè, la presentazione da parte del soggetto obbligato della dichiarazione annuale IVA – e in una condotta omissiva – il mancato versamento nei termini di legge dell’imposta ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU