X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 20 gennaio 2020 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Inadempienze del direttore generale contestabili dinanzi al giudice del lavoro

Determinante è l’inerenza al rapporto di lavoro e non a quello di immedesimazione organica

/ Maurizio MEOLI

Martedì, 14 gennaio 2020

La responsabilità del direttore generale non va necessariamente invocata dinanzi alla sezione specializzata in materia di impresa del Tribunale, dovendosi adire il giudice del lavoro quando le inadempienze contestate sono correlate al rapporto di lavoro instaurato con la società. Ad affermarlo è la Cassazione, nell’ordinanza n. 345, depositata ieri.

Ai sensi dell’art. 2396 c.c., le disposizioni che regolano la responsabilità degli amministratori si applicano anche ai direttori generali nominati dall’assemblea o per disposizione dello statuto, in relazione ai compiti loro affidati, salve le azioni esercitabili in base al rapporto di lavoro con la società.

Rispetto a tale disposto normativo, la Suprema Corte richiama, in primo luogo, taluni precedenti di legittimità secondo i ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU