X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 22 febbraio 2020 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

La disciplina delle banche popolari è compatibile con il diritto Ue

Depositate le conclusioni dell’Avvocato generale presso la Corte di Giustizia

/ Maurizio MEOLI

Mercoledì, 12 febbraio 2020

L’Avvocato generale presso la Corte di Giustizia Ue Gerard Hogan, nelle conclusioni depositate ieri in relazione alla causa C-686/18, ha affermato che la Corte dovrebbe rispondere alle questioni sollevate come segue:

- l’art. 29 del regolamento n. 575/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 26 giugno 2013, relativo ai requisiti prudenziali per gli enti creditizi e le imprese di investimento e che modifica il regolamento n. 648/2012/Ue, l’art. 10 del regolamento delegato n. 241/2014 della Commissione, del 7 gennaio 2014, che integra il regolamento n. 575/2013/Ue del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda le norme tecniche di regolamentazione sui requisiti di fondi propri per gli enti, e l’art. 6 § 4 del regolamento n. 1024/2013 del Consiglio, del ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU