X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 14 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Il committente fattura i compensi percepiti dagli eredi del professionista

Gli eredi non possono riaprire la partita IVA chiusa dal professionista prima del decesso

/ Mirco GAZZERA

Giovedì, 13 febbraio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Se gli eredi incassano dal fallimento parte del credito vantato dal professionista defunto, l’obbligo di fatturazione dell’operazione deve essere assolto dal curatore fallimentare, attraverso l’emissione di un’autofattura, qualora il professionista avesse già chiuso la partita IVA in pendenza della procedura concorsuale. Si tratta del principale chiarimento fornito dall’Agenzia delle Entrate nella risposta a interpello n. 52 pubblicata ieri, 12 febbraio 2020.

Nel caso esaminato un architetto si era insinuato al passivo di una procedura fallimentare per un credito professionale e, in pendenza della stessa, aveva chiuso la partita IVA. A seguito della predisposizione di un piano di riparto che prevede il pagamento parziale del credito, dunque, il curatore fallimentare

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU