X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 6 giugno 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Responsabilità del datore esclusa dalla condotta «abnorme» del lavoratore

/ Luca MAMONE

Mercoledì, 8 aprile 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

In osservanza dell’art. 2087 c.c. e delle disposizioni indicate nel DLgs. 81/2008, il datore di lavoro è in primis responsabile per la sicurezza dei lavoratori nei luoghi di lavoro ed è tenuto a valutare i rischi connessi all’attività nonché ad adottare ogni misura di prevenzione idonea.

Sul punto, va detto che tale responsabilità può essere estesa anche a tutti coloro che hanno l’obbligo di attivarsi per evitare eventi dannosi per i lavoratori, in particolare a chi ha ricevuto specifiche deleghe di funzione ex art. 16 del DLgs. 81/2008, ai dirigenti e ai preposti.
Le eventuali violazioni degli obblighi previsti in materia di sicurezza comportano l’applicazione di un regime sanzionatorio penale che può agire sia in via preventiva, prevedendo sanzioni per la violazione

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU