X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 1 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Fusione tra ENC prima della riforma del Terzo settore con registro al 3%

Vale l’art. 9 della Tariffa, parte I, allegata al DPR 131/86, per gli atti diversi da quelli altrove indicati con oggetto prestazioni a contenuto patrimoniale

/ Anita MAURO

Mercoledì, 13 gennaio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’atto di fusione tra enti non commerciali, realizzato nel 2014, sconta l’imposta di registro in misura proporzionale con l’aliquota del 3%. Lo afferma la Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 227, depositata ieri.

La pronuncia conferma il precedente orientamento, già accolto dalla pronuncia della Cassazione del 7 febbraio 2009 n. 4763, secondo cui, a norma dell’art. 4 comma 1 lett. b) della Tariffa, Parte I, allegata al DPR 131/86, solo le operazioni di fusione tra società o tra enti “aventi per oggetto esclusivo o principale l’esercizio di attività commerciale o agricola” scontano l’imposta di registro in misura fissa (200 euro).

La medesima impostazione è accolta anche dall’Agenzia delle Entrate che, nella circolare del 18 maggio ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU