X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 28 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Senza integrazione elettronica impossibile la convalida dei registri IVA precompilati

In una Faq l’Agenzia delle Entrate nega la possibilità di inserire l’annotazione nelle bozze dei registri

/ Luca BILANCINI

Lunedì, 20 settembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

In una delle Faq pubblicate recentemente nella sezione “Assistenza On Line” del portale “Fatture e Corrispettivi”, l’Agenzia delle Entrate ha precisato che i soggetti passivi che non procederanno a integrare elettronicamente via SdI con aliquota IVA e imposta le fatture ricevute per operazioni soggette a reverse charge interno, non potranno inserire manualmente detta annotazione nei registri IVA delle vendite e degli acquisti; ciò renderà, di fatto, impossibile l’utilizzo dei registri IVA precompilati per gli operatori che decideranno di effettuare l’integrazione dell’imposta secondo le modalità tradizionali.

Posto che, come riportato nel paragrafo 5.1 del provvedimento 8 luglio 2021 n. 183994, il soggetto passivo può modificare detti registri ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU