Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 18 maggio 2022 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Bancarotta anche per assegni senza provvista

La Cassazione ribadisce come la provenienza illecita dei beni non escluda il reato

/ Maurizio MEOLI

Mercoledì, 19 gennaio 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

Ai fini dell’integrazione della fattispecie di bancarotta fraudolenta per distrazione (ex artt. 216 e 223 del RD 267/1942) rileva anche il denaro di cui l’amministratore di una società venga a disporre per il tramite di assegni bancari o circolari privi di provvista. A precisarlo è la recente sentenza n. 124/2022 della Cassazione.

In via preliminare, la Suprema Corte ricorda come la provenienza illecita dei beni distratti non sia tale da escludere il delitto di bancarotta patrimoniale, per la cui configurabilità deve guardarsi alla consistenza obiettiva del patrimonio, prescindendo da quali possano essere i modi della sua formazione. Detti beni, quindi, una volta entrati a far parte del patrimonio della società, diventano cespiti sui quali i creditori possono vantare il diritto di

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU