Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 6 febbraio 2023 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Niente «liberazione» presunta dell’accomandante post trasformazione

La presunzione di consenso dei creditori non si applica alla trasformazione da snc a sas

/ Maurizio MEOLI e Monica VALINOTTI

Venerdì, 9 dicembre 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il secondo comma dell’art. 2500-quinquies c.c., che, con riferimento alla trasformazione di società di persone in società di capitali, presume il consenso del creditore alla “liberazione” dei soci illimitatamente responsabili sulla base di un comportamento non oppositivo, non è suscettibile di interpretazione analogica e non può applicarsi anche al caso di trasformazione di una società di persone da snc in sas.
Ad affermarlo è la Cassazione che, nella sentenza n. 11040/2022, si è pronunciata sull’ambito di applicabilità del citato art. 2500-quinquies c.c., dettato con riferimento alla trasformazione progressiva omogenea (ossia quella da società di persone in società di capitali), a norma del quale la trasformazione non libera i soci a responsabilità illimitata dalla responsabilità ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU